Disfunzione del pavimento pelvico: che cosa è e come affrontarla

Le disfunzioni del pavimento pelvico colpiscono circa un quarto della popolazione adulta, in gran parte donne.  Si manifestano con sintomi come incontinenza urinaria (durante gli sforzi quotidiani, tosse, starnuti…) stitichezza, o segni di prolasso d’organo.

RIABILITAZIONE DEL PAVIMENTO PELVICO: CHE COSA È E QUANDO FARLA

Se ne parla poco, ma il perineo è una parte fondamentale del nostro corpo. Spesso, soprattutto durante la gravidanza e ancor più nel post parto, le donne ne sentono parlare, ma cos’è questo sconosciuto?

pavimento pelvico, donnaIL PAVIMENTO PELVICO è quell’insieme di muscoli, fasce e legamenti che chiudono in basso lo spazio addominale e contengono i visceri al suo interno.

A COSA SERVE: il perineo è una struttura dinamica che concorre a tante funzioni come quella della minzione, defecazione e di continenza, ha una funzione sessuale e riproduttiva e di sostegno degli organi interni.

LE DISFUNZIONI colpiscono circa un quarto della popolazione adulta, in gran parte donne e solitamente si manifestano con sintomi come incontinenza urinaria durante gli sforzi quotidiani, tosse, starnuti, come stitichezza o prolasso d’organo.

E’ importante parlarne perché trovare una soluzione a questi problemi è possibile, tramite la RIEDUCAZIONE DEL PAVIMENTO PELVICO.

OBIETTIVI:

  • aumentare la consapevolezza e la percezione di questa regione anatomica e della sua attività muscolare
  • rinforzare e mantenere tonica la muscolatura perineale
  • migliorare il controllo degli sfinteri e della continenza

QUANDO FARE RIEDUCAZIONE: SEMPRE!

  • prima e dopo il parto
  • post menopausa
  • prolasso uterino, vescicale, rettale
  • post chirurgico
  • dolore pelvico

COME: verranno eseguiti esercizi di contrazione e rilassamento dei muscoli perineali al fine di facilitare la presa di coscienza e di rinforzare il sistema di sostegno degli organi pelvici.

ELETTROSTIMOLAZIONE: UNA GRANDE NOVITÀ

La grande novità nella rieducazione del pavimento pelvico sta nella elettrostimolazione.

“L’uso di questa strumentazione ha molteplici finalità – come spiega Katia Ceruti, fisioterapista del poliambulatorio Physiomedica -. Serve infatti ad aumentare la forza e la resistenza muscolare del pavimento pelvico in caso di ipovalidità di questo muscolo, aiuta ad inibire il muscolo che avvolge la vescica, come nel caso della cosiddetta instabilità detrusoriale, una condizione che determina una urgenza urinaria con possibile incontinenza. Serve inoltre ad inibire il dolore nelle sindromi dolorose perineali”.

Questa tecnica prevede l’uso di una sonda anale o vaginale collegata ad un apparecchio in grado di emettere corrente elettrica secondo parametri terapeutici che variano in base al sintomo soggettivo.

Per prenotare il vostro appuntamento o per avere maggiori informazioni potete chiamare il numero 0546 622031.