Oct: la Tac dell’occhio che salva la vista

Si chiama OCT, la sigla significa tomografia ottica a radiazione coerente ed è conosciuta come “la Tac dell’occhio”. Si tratta di un approfondito esame oculare non invasivo, innocuo, rapido e ripetibile e che viene effettuato grazie ad una tecnologia a scansione laser che fornisce una foto tridimensionale ad elevata risoluzione di scansioni a strati delle varie strutture oculari con la capacità di visualizzare dettagli di 3-5 millesimi di mm e relative alterazioni strutturali della parte centrale della retina (macula), della testa del nervo ottico (papilla) e della cornea. L’esame tramite OCT è disponibile al poliambulatorio Physiomedica di Faenza.

L’OCT è indicata sia per una diagnosi precoce che per la cura di patologie legate alla cornea, alla retina e al nervo ottico come diabete, glaucoma, miopia, edema maculare, atrofia retinica, patologie vascolari e nei fenomeni degenerativi legati all’età, spesso anche molto prima che compaia un calo della vista (degenerazioni maculari senili e giovanili), occlusione venosa retinica, retinopatia diabetica, retinoschisi foveale. Si tratta di un esame quindi che può salvare la vista e per questo sempre più utilizzato in ambito oculistico e ha numerose altre applicazioni biomediche. Negli ultimi anni c’è stato un vero e proprio boom. L’OCT è paragonata a una biopsia non invasiva o, appunto a una Tac dell’occhio.

L’OCT si basa su una tecnica di misurazione ottica chiamata interferometria a bassa coerenza il cui principio di funzionamento è simile a quello dell’ecografia dato che sfrutta la riflessione di un fascio laser non nocivo.

Per prenotare l’esame da Physiomedica Faenza o richiedere maggiori informazioni:

Il centro è aperto i seguenti giorni:
dal lunedì al venerdì
dalle 8.30 alle 20.00
sabato
dalle 9.00 alle 12.00

tel. 0546-622031

via Malpighi n.150